Forma fisica post lockdown: tutto ciò che c’è da sapere per rimettersi in forma

Durante i giorni altamente strazianti di reclusione in casa, causa Covid-19, in molti si sono cimentati in attività che richiedevano un certo impiego del tempo che, per un motivo o per un altro, non ci si poteva permettere vista la frenetica vita di molti italiani tra lavoro, faccende domestiche e cura dei bambini. Tanti sono coloro i quali hanno dato il meglio in cucina, preparando varie pietanze e sbizzarrendosi come più potevano così da tirare fuori lo spirito del “masterchef italiano” da tempo sopito. Come natura vuole, più si mangia, più si mettono su chili, ragion per cui nel periodo post lockdown si sente la necessità di riporre planetarie, farine, mestoli e padelle e rimettersi in forma.

Forma fisica post lockdown

A tal proposito, il nutrizionista italiano Giacomo Astrua ha fornito utili consigli per rimettersi in carreggiata con il proprio corpo, specialmente in vista dei tre mesi estivi in arrivo.

Forma fisica post lockdown

Un primo consiglio riguarda il consumo di frutta e verdura di stagione, alimenti indispensabili e immancabili in un piano alimentare sano ed equilibrato. Cinque il numero di porzioni, pressappoco, da assumere quotidianamente con una certa costanza per quanto concerne le verdure. Per la frutta, sono invece sufficienti due porzioni (colazione e merenda) per mantenere una buona regolarità intestinale.

Alla catena alimentare vanno aggiunti certamente i cereali integrali, i quali rappresentano un’ottima fonte di fibre e forniscono il giusto carico per raggiungere il senso di sazietà per ore. Fondamentale è anche il consumo di yoghurt, carni bianche e rosse, pesce, tutto nella giusta misura, senza esagerazioni.

Forma fisica post lockdown

Infine è importantissimo e raccomandato da qualsiasi medico nutrizionista il consumo di almeno 2 litri di acqua al giorno accoppiato al movimento fisico, allenamenti con pesi o a corpo libero che garantiscano una definizione corporea notevole.  

Vai alla sezione Salute e scopri altri articoli! Seguici anche su Facebook!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *